India: scuole, non fabbriche di sfruttamento

Ai membri del Parlamento indiano e ai leader globali:

Vi chiediamo di approvare immediatamente la Legge per l'abolizione del lavoro dei minori e degli adolescenti. Avete il potere di eliminare lo sfruttamento dei minori di 14 anni e permettere a tutti i bambini di andare a scuola. Chiediamo inoltre all'India e a tutte le nazioni di mettere lo sradicamento del lavoro minorile al centro dei piani nazionali per l'educazione e di espandere i programmi di protezione sociale in modo che tutti i bambini in tutto il mondo possano andare a scuola entro la scadenza del 2016 posta dalle Nazioni Unite.
 
Sei già membro di Avaaz? Inserisci il tuo indirizzo e-mail e premi "Invia".
E' la prima volta? Per favore compila il modulo qui sotto.
Avaaz.org protegge la tua privacy e ti tiene informato su questa e altre campagne simili.

Pubblicato il: 19 Dicembre 2012
Il Parlamento indiano si sta per fermare, senza aver esaminato la legge contro il lavoro minorile più dura della storia. La proposta di legge inoltre, pur essendo sostenuta dalla maggioranza dei parlamentari, è stata lasciata ad attendere per settimane, perché ritenevano non fosse una “priorità”!

L’India è la patria mondiale del lavoro minorile: già all’età di cinque anni i bambini vengono venduti ai trafficanti e costretti a lavorare come moderni schiavi, subendo abusi e percosse. La nuova storica proposta di legge vieterebbe del tutto qualsiasi tipo di lavoro minorile al di sotto dei 14 anni, fornendo uno stipendio alle famiglie disagiate per permettere ai loro figli di andare a scuola. I membri del Parlamento hanno però lasciato che la proposta finisse fuori dall’agenda dei lavori, così ora le organizzazioni indiane per i diritti dei bambini hanno disperatamente bisogno del nostro aiuto per aumentare la pressione pubblica.

Se noi membri di Avaaz uniamo le forze possiamo fare in modo di attirare l’attenzione globale sulla proposta, spingendo i membri del parlamento a votarla. Firma quest’urgente petizione e spargi il più possibile la voce! Quando raggiungeremo 1 milione di firme, consegneremo il messaggio al parlamento insieme a ex bambini lavoratori.
Clicca per copiare: